Curcuma: una risposta naturale all’infiammazione

Oggi ho parlato di Curcuma con una nostra cliente che soffre di artrosi, ma  cos’è la Curcuma di cui si sente tanto parlare?

La Curcuma è una spezia dal caratteristico colore giallo-arancio, che si ottiene dal fusto sotterraneo, bollito, essiccato e trasformato in polvere . Ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti: agisce a vari livelli del processo infiammatorio, limitandone l’intensità e favorendone la risoluzione. E’ utile sia nelle forme acute ma anche nell’infiammazione cronica soprattutto a carico dell’apparato osteoarticolare: è in grado, infatti, di inibire la degradazione del tessuto connettivo articolare.

Cos’è esattamente l’infiammazione?

E’ la risposta del nostro corpo a condizioni potenzialmente dannose, ha lo scopo di individuare le cause del problema, riparare il tessuto e ripristinare l’equilibrio. Mentre l’infiammazione acuta ha un inizio brusco (es trauma o distorsione) e una risoluzione rapida; l’infiammazione cronica ha una maggiore durata con fenomeni prevalentemente tissutali: si instaura un persistente stato di stress cellulare accompagnato da un eccessiva amplificazione della risposta infiammatoria.

Come possiamo fare per limitare i processi infiammatori?

Lo stile di vita e l’alimentazione sono il punto di partenza. Sappiamo che alimenti di origine animale, cibi raffinati, zuccheri e conservanti sono la causa principale di accumulo di sostanze tossiche e dei vari processi infiammatori a carico non solo dell’apparato osteoarticolare ma anche di organi e mucose.

Una scelta alimentare consapevole, insieme all’attività fisica aiuta a vivere in una condizione di benessere e di equilibrio. Alcuni alimenti, infatti agiscono come pro infiammatori, innescano e peggiorano il processo infiammatorio. Ad esempio i latticini e derivati, le carni, gli zuccheri, i carboidrati raffinati e il glutine sono responsabili di molte situazione infiammatorie. Per mantenere e riacquistare l’equilibrio l’organismo deve nutrirsi di cibi salutari in grado di innescare il naturale processo depurativo.

Gli ortaggi di colore verde come bietole, lattuga e broccoli permettono l’eliminazione di molte tossine; mentre i bioflavonoidi contenuti negli agrumi contrastano i radicali liberi che si accumulano durante il processo infiammatorio. Gli acidi grassi polinsaturi, omega 3 e omega 6, contenuti in legumi, pesce e cereali, invece possono controllare i livelli di colesterolo e svolgere attività antinfiammatoria. Il segreto, quindi, per prevenire e contrastare gli stati infiammatori è aumentare il consumo di sostanze antiossidanti a baso indice glicemico. Ecco perché si può aggiungere la Curcuma a vari piatti come riso, insalate o verdure cotte, o assumerla come integratore alimentare.

Ho trovato questa semplice e gustosa ricetta che voglio condividere con voi: vellutata di lenticchie rosse con curcuma e zenzero.

Ingredienti: 300g di lenticchie rosse, un gambo di sedano, una carota, una cipolla, un porro, un cucchiaino di curcuma, un pezzo di zenzero, uno spicchio di aglio, pepe e olio extravergine.

Tagliamo le verdure e le aggiungiamo in una pentola con un filo di olio. Lasciamo cuocere per alcuni minuti quindi aggiungiamo le lenticchie e acqua leggermente salata e cuciniamo per 20 min. a fine cottura frulliamo il tutto, aggiungiamo la carota tagliata alla julienne, curcuma e zenzero fresco grattugiato e un pizzico di pepe.

Una velluta semplice e veloce ideale anche per chi ha poco tempo da passare in cucina ideale per rimettersi in forma!

In alternativa si possono trovare in commercio diversi integratori alimentari a base di curcuma.

Nel nostro laboratorio di galenica allestiamo una preparazione con estratto secco di curcuma titolata al 95% in curcumina : bastano due capsule al giorno per ottenere l’azione antinfiammatoria.

Vieni a trovarci nella nostre parafarmacie in via delle Lame o via Mengoli a Bologna: potremo valutare insieme un programma alimentare associato ad uno stile di vita consapevole nella gestione dell’ infiammazione.

 

Add Your Comment